26 miglia di escursioni notturne, torture nuotate nel surf, tronchi giganti da 450 libbre e altro

Attenzione: Kokoro cambia costantemente. La tua esperienza esatta potrebbe differire da quella che hai letto in questa serie in 3 parti. Quindi preparati per le palle curve. Sono felice di chiedere un consulto personale con te se desideri un coaching individuale. Clicca qui se desideri consulenza o coaching.

Benvenuto alla Parte 3 della serie SEALFit, un viaggio di intensa scoperta fisica e un’opportunità per imparare come realizzare incredibili prestazioni senza interruzioni. Se ti sei perso i primi due articoli di questa serie in tre parti, fai clic qui per la Parte 1: “Che tipo di allenamento, attrezzatura e alimentazione usi per SEALFit Academy e Kokoro Camp? ” e fai clic qui per la Parte 2:” Yoga della risata, iperossigenazione, allenamenti Navy SEAL e altro ancora: cosa aspettarsi e come prepararsi per la SEALFit Academy. “

In questo articolo finale, scoprirai esattamente cosa aspettarti al SEALFit Kokoro Camp e raccoglierai molti suggerimenti per superare le tue barriere fisiche e mentali, comprese le mie storie di escursioni notturne di 26 miglia, surf, nuoto tortura, tronchi giganti da 450 libbre e altro ancora e 9 consigli per conquistare il tuo evento, che si tratti di una gara d’avventura, Ironman, maratona, evento ciclistico, gara spartana o qualsiasi altra cosa.

—————————————

Cos’è Kokoro?

Allora, cos’è esattamente Kokoro? Se non hai familiarità con questo intenso crogiolo di difficoltà fisiche e mentali, il video qui sotto ti darà solo un po ‘del sapore …

Ed ecco come Kokoro viene descritto da SEALFit:

“SEALFIT Kokoro Camp è, molto semplicemente, il più importante campo di addestramento al mondo per forgiare la forza mentale, modellato sulla settimana dell’inferno SEAL della marina americana. Sì, è brutale. No, non è per tutti. Potresti non qualificarti o superare la formazione. Tuttavia, se sei pronto per questa sfida …

Scoprirai che sarà un’esperienza che cambierà la tua vita per sempre.

Kokoro è progettato per abbatterti, quindi ricostruirti in un potente leader e un esperto giocatore di squadra, il tipo che rende tutti migliori. Qualunque sia il tuo percorso nella vita, la fiducia e la saggezza acquisite durante questo corso intensivo di 3 giorni possono moltiplicare le tue prestazioni e il tuo successo di un fattore che per te è impossibile anche solo immaginare in questo momento.

Kokoro Camp è progettato per aiutarti a scoprire il potere profondo del tuo spirito resiliente sulla tua mente e il controllo della tua mente sul tuo corpo. Il programma è abilmente eseguito da un gruppo di SEAL con oltre 125 anni cumulativi di esperienza di guerra speciale.

Sarai spinto al limite, perché è qui che avvengono le scoperte più importanti. Questo è anche il motivo per cui questo non è “qualcosa che provi”. Ci vuole impegno assoluto, al 100%. Devi avere una ragione profonda e potente per partecipare a questo campo ed essere pronto a pagare il prezzo per la massima libertà che otterrai entro la fine.

Il nostro team d’élite sarà presente, non per coccolarti o prendersi cura di te, ma per spingerti oltre i limiti delle tue capacità percepite. Proprio quando pensi di non poter andare oltre, ti aiuteremo a trovare una fonte di forza, coraggio e potere a cui avrai accesso per il resto della tua vita. “

Un triatleta Ironman che conosco che ha completato Kokoro lo ha descritto come 10 triathlon Ironman di fila senza sonno.

Woo-hoo. Iscrivimi.

—————————————

Kokoro giorno 1

Ogni Kokoro ha un numero, e questo in particolare doveva essere Kokoro 34. Come forse avrete già letto, quando Kokoro girò intorno ero stato alla SEALFit per 6 giorni di allenamento con la SEALFit Comprehensive Academy. Quindi ero già preparato fisicamente con tutta l’attrezzatura, l’alimentazione e l’attrezzatura di cui parlo in questo post e mi sentivo anche molto preparato mentalmente.

Così, venerdì mattina, mi sono semplicemente infilato i miei pantaloni neri alla moda, mi sono infilato la maglietta bianca, ho coperto generosamente i piedi con crema antifrizione, ho indossato pantaloni compressivi, fodere per calzini, calzini di lana, sono scivolato nel mio combattimento stivali, ha sbattuto circa 1000 calorie di carburante liquido (semi di chia e miele della Natural Force Nutrition di cui parlo in questo post sulla preparazione del carburante – usa il codice BEN10 per risparmiare il 10% su qualsiasi cosa da Natural Force) e sei andato sul Grinder alle 11 del mattino pronto rimbombare.

Avevamo già avuto un breve orientamento al team durante il quale sono stato nominato “team leader”, il che significa che sarebbe stata mia responsabilità durante Kokoro assicurarmi che tutti fossero puntuali, nel posto giusto, indossando l’uniforme giusta, con il giusto atteggiamento. Ovviamente, questo significava anche che se qualcuno nella squadra avesse sbagliato, avrei dovuto assumermi la punizione che deriva da quella responsabilità.

SEALFit Academy

Siamo rimasti tutti sul Grinder per circa 10 minuti, tenendo in mano le nostre “armi” in PVC riempite di sabbia, agitandoci nervosamente e aspettando i nostri ordini.

Poi si scatenò l’inferno e iniziò la sconfitta. Immagina la peggiore esperienza di nonnismo a cui puoi pensare, quindi aggiungi un mucchio di vecchi e cattivi SEAL della Marina e moltiplicali per venti.

Una mezza dozzina di pullman SEALFit sono emersi da tutte le direzioni, completamente equipaggiati con tubi dell’acqua fredda, altoparlanti, sirene e molto atteggiamento. Il nostro intero team ha trascorso le tre ore successive a subire abusi verbali, a gettarsi in bagni di ghiaccio respirando attraverso una minuscola bottiglia d’acqua di plastica tagliata, a tirare fuori flessioni con acqua ad alta pressione che veniva spruzzata sul viso, facendo dozzine e dozzine di leve per le gambe, burpee pull-up, sprint a squadre in salita e un assortimento caotico di altri esercizi – e in generale riceviamo un bel calcio in culo vecchio stile come nostro benvenuto ufficiale a Kokoro.

KOKORO 34 - 001

DSC02878

KOKORO 34 - 061

KOKORO 34 - 012

Tre ore dopo, i 19 uomini e le donne della nostra classe erano in formazione in due file su The Grinder: scioccati, ansimanti, tremanti, piangenti e praticamente in completo disordine.

Infine, Coach Divine ha parlato:

“Perché sei qui?”

Silenzio.

“Greenfield, perché sei qui?”

“Sto crescendo due esseri umani straordinari che possono crescere per rendere questo mondo un posto migliore, Coach Divine, e per farlo devo diventare la versione più forte di me.”

Hooyah. Ho avuto un grande sorriso sul mio viso durante tutta quella sconfitta iniziale, grazie alla conoscenza del mio perché e grazie alle lezioni “Big 4” che avevo imparato alla SEALFit Academy: respira, usa la positività, visualizza e crea mini-obiettivi. Quindi, se un istruttore dice “100 burpee”, farei un respiro profondo, sorridere, visualizzare me stesso mentre inchiodo perfettamente ogni burpee, quindi mi prefiggo di fare 10 serie da 10. Questa pratica mi ha aiutato enormemente durante l’intera esperienza di Kokoro.

Riposare e ascoltare il comandante Divine spiega l’importanza del nostro “perché” non è durato a lungo. Sono stato riportato alla realtà quando un intero secchio di acqua ghiacciata mi è stato scaricato sulla testa. Poi nuovamente. E di nuovo. Ed era di nuovo in burpees freddi e umidi.

Dopo un’altra ora di pestaggi su The Grinder, l’allenatore Lance Cummings mise improvvisamente fine alla follia e stese una coperta con 26 oggetti casuali da ricordare, come un cerotto, un militare, una cravatta, una supercolla, una pallina da tennis, ecc. Come squadra, abbiamo avuto 20 secondi per guardare la coperta, memorizzare tutti gli oggetti (questo è chiamato esercizio KIMS), quindi correre via con 5 minuti per prepararci per una missione notturna di 26 miglia che ha coinvolto trovare una torre antincendio sulla cima del Monte. Palomar, esaminandolo per dimensioni, attività, posizione, uniformi di coloro che si trovano all’interno, tempi di interruttori di guardia e attrezzature, quindi registrare e riportare quelle informazioni giù dalla montagna.

KOKORO 34 - 064

Equipaggiati con uno zaino, un sacchetto di sabbia, tre borracce, due bastoncini luminosi e un MRE (il mio era un risotto vegetariano fantasia), ci siamo ammucchiati tutti su due furgoni verso le 18:00 per un’ora di viaggio fino alla base della missione di ricognizione, durante gli allenatori tenevano i furgoni a una temperatura confortevole di 100 gradi, il che significava che la maggior parte di noi era leggermente disidratata prima ancora che la missione iniziasse. Poco prima di salire sul monte. Palomar, gli allenatori ci hanno sorpreso con una simulazione di battaglia nel duro e roccioso deserto appena fuori Temecula, durante la quale abbiamo trascorso quasi un’ora a strisciare sulla terra e le spine sulla pancia e sugli avambracci con i nostri zaini sulla schiena. Ciò significava che nel momento in cui il ripido rastrellamento sul lato del Monte. Palomar iniziò, eravamo già insanguinati, impolverati, affamati, disidratati e completamente picchiati.

Quindi la missione è effettivamente iniziata, con la nostra classe di 19 persone divisa in tre gruppi di cinque e un gruppo di quattro, intervallati da intervalli di 15 minuti e ciascuno guidato da un coach SEALFit per spingerci lungo la strada. Nel giro di pochi minuti, mi sono reso conto che eravamo nei guai quando un ragazzo del nostro gruppo ha iniziato a tossire, ansimare e hackerare in modo incontrollabile. È venuto fuori che aveva smesso di fumare solo un paio di mesi fa. Mossa sbagliata. Per le successive 11 ore, gli altri membri del nostro team si sono occupati di trasportare il suo ruck, portare la sua arma, spingerlo, trascinarlo e guidarlo fino al traguardo.

Quando finalmente siamo tornati al furgone alle 5:30 del mattino, se n’è andato. Grazie amico. Un altro ragazzo si è ritirato, sostenendo di essere “stanco”. Eh. La maggior parte del resto del team che non aveva smesso era allucinato, ipoglicemico e coperto di vesciche. Le successive 30+ ore promettevano di essere piuttosto interessanti, e mi chiedevo quanti altri avrebbero abbandonato – promettendomi internamente di impegnarmi con la squadra e di ottenere quanta più energia positiva possibile sparsa in modo che la cessazione non avvenisse. Nel furgone sulla via del ritorno, hanno pompato musica classica, acceso il riscaldamento e hanno cercato di far addormentare la squadra, quindi ho usato 10 pezzi di carta per creare un elenco di tutti gli elementi nella coperta KIIMS, quindi ho consegnato farlo memorizzare a tutti nel furgone. Abbiamo ancora perso alcune persone esauste che si sono assopite. Ci sarebbe un inferno da pagare in seguito.

Siamo finalmente tornati a SEALFit intorno alle 7 del mattino, dove siamo stati immediatamente respinti sul Grinder e informati che non solo avevamo fallito la missione (un tema ricorrente a SEALFit è che niente è mai “abbastanza buono”), ma che ci siamo anche riposati per troppo tempo nel furgone verso casa.

Questo è stato il momento in cui hanno tirato fuori i tronchi da 350-450 libbre per iniziare Log PT, durante il quale abbiamo trascorso quasi 2 ore a fare ogni esercizio immaginabile con un registro, incluso il “registro su” (raccogliendo il tronco fino alle spalle), “Tronco giù” (riportare il tronco a terra), pressa sopraelevata, prese di salto, burpee, pressa da banco, addominali sui tronchi e infine un lungo e arduo “giro di quartiere” di Encinitas, durante che abbiamo trasportato i tronchi su e giù per le strade.

logpt

KOKORO 34 - 185

A questo punto, le persone erano scottate dal sole, avevano ferite e tagliate le spalle dai tronchi, molti avevano letteralmente protuberanze sanguinanti per talloni e dita coperte di vesciche e l’ipoglicemia e la disidratazione erano evidenti. Ero interiormente grato per le lezioni che avevo imparato da Ironman sulla cura dei piedi, sul mangiare e sul bere, e le mie uniche lamentele fino ad ora erano un muscolo pettorale sinistro quasi strappato dalla sfida di 42 minuti 1000 push-up appena due giorni prima, e alcuni labbra molto, molto screpolate (come ha detto un coach durante Kokoro “Greenfield, indossi il rossetto?” )

DSC02537

Quando abbiamo sostituito i ceppi e siamo tornati a The Grinder, ci chiedevamo tutti se avremmo potuto mangiare. Era già l’una del pomeriggio, il caldo stava calando e nelle ultime 26 ore ci eravamo allenati intensamente.

Se solo fossimo così fortunati. Poi è arrivato “Muscle Beach”.

Muscle Beach è fondamentalmente un’opportunità per gli allenatori di torturare la squadra con un PT più fisico, ma in un formato in stile gioco. Ci è stato detto di correre per mezzo miglio fino alla spiaggia, saltare nell’oceano, coprirci completamente di sabbia per fare un “biscotto di zucchero” e poi tornare indietro.

Siamo tornati di corsa al Grinder ricoperti di sabbia. Non buono abbastanza. Abbiamo dovuto tornare di corsa all’oceano, scendere i 140 gradini, risalire i 140 gradini e farlo di nuovo, diventando ancora più sabbioso questa volta. Poi sono arrivate le staffette con sacco di sabbia, le gare di propulsori, le gare in barella (una persona è “morta” su una barella medica e gli altri membri del team la portano in una gara), gli sprint in collina e le gare di memoria.

SEALFit Academy0

Dopo Muscle Beach, siamo stati spruzzati sul Grinder, quindi abbiamo avuto il compito di svuotare ogni bilanciere, manubrio, kettlebell, palla medica, sacco di sabbia, piastra dei pesi e ogni minuscolo oggetto fuori dall’intera struttura Crossfit degli Stati Uniti, portandolo al in cima a Lookout Hill a 1/4 di miglio di distanza, riportando tutto alla loro palestra, pulendo minuziosamente ogni oggetto e riportandolo esattamente dove lo abbiamo trovato. Non mi lamenterò mai più della pulizia della mia palestra di casa. Quando abbiamo completato la palestra, quattro ore dopo, le mie mani e le mie dita stavano bruciando ei miei muscoli dell’avambraccio si sentivano ridotti a pezzi. Parla dell’allenamento con la presa.

Quando finalmente abbiamo finito, c’erano (nessuna sorpresa qui) due furgoni in attesa fuori.

Ci è stato chiesto di prendere il nostro zaino pieno di sacchi di sabbia, tre borracce piene d’acqua o Gatorade, 1 MRE (sostitutivo del pasto), 2 bastoncini luminosi, la nostra arma e ammucchiarci sui furgoni …

… il peggio doveva ancora venire.

Lezioni dal primo giorno

– Conosci il tuo perché.

-Per qualsiasi sforzo lungo, inclusi rucks, Ironman, marathon, ecc. conviene usare fodere per calze, creme antifrizione e prendersi cura dei propri piedi in modo eccellente

-Quando hai la possibilità di fare rifornimento, fai rifornimento. Stai al passo con la tua fame e stai davanti alla tua sete se la disponibilità di cibo e acqua è sconosciuta.

———————————————-

Kokoro, giorno 2

Da Encinitas, i furgoni ci hanno portato a circa 13 miglia lungo la strada fino a una spiaggia con sabbia profonda, alte scogliere e grandi surfisti. Ironia della sorte, era principalmente popolato di nudi che lanciavano frisbee, giocavano a beach volley e si sdraiavano sulle coperte, in netto contrasto con 17 membri della squadra di Kokoro in camicie bianche, pantaloni neri e stivali da combattimento. Ma l’ultima cosa a cui stavo pensando erano le tette che rimbalzavano sulle ragazze nude che giocavano a pallavolo accanto a noi. Siamo stati immediatamente costretti a una veloce corsa di jogging sulla spiaggia in formazione a due righe, il tutto intonando la poesia “Invictus”:

Fuori dalla notte che mi copre,
Nera come la fossa da un palo all’altro,
Ringrazio qualunque dio sia
Per la mia anima invincibile.

Nella morsa delle circostanze
Non ho sussultato né gridato ad alta voce.
Sotto i colpi del caso La mia testa è insanguinata, ma non piegata.

Al di là di questo luogo di collera e lacrime
Non si profila che l’orrore dell’ombra,
Eppure la minaccia degli anni
Mi trova e mi troverà senza paura.

Non importa quanto stretto sia il cancello,
Quanto carico di punizioni il rotolo,
Sono il padrone del mio destino,
Sono il capitano della mia anima.

SEALFit Academy1

Mentre cantavamo e correvamo, i membri del nostro team spesso inciampavano e colpivano per primi la sabbia, e alcuni riuscivano a malapena a zoppicare a causa delle vesciche aperte e sanguinanti, ma noi li raccoglievamo, portavamo i loro zaini, li maneggiavamo armi e vai avanti. Questo è stato il momento in cui sono stato più vicino a vedere individui sull’orlo della completa stanchezza fisica sopravvivere semplicemente mettendo un piede davanti all’altro per continuare ad andare avanti, e anche il più vicino a un’intera squadra che supporta ogni individuo, non importa cosa. È stato commovente, solo come si poteva riscaldare il proprio cuore quando si rabbrividisce mentre corre lungo una fredda spiaggia della California.

Dopo un’ora di veloce rucking, mentre il tramonto si avvicinava, siamo arrivati ​​alla base di una scogliera e ci è stato detto di abbandonare i nostri zaini e le armi, e di sdraiarci sulla risacca con la testa rivolta verso l’oceano ei nostri piedi rivolti verso gli allenatori.

SEALFit Academy2

La tortura del surf stava per iniziare.

The Making Of A Navy Seal ha una descrizione abbastanza buona della tortura del surf. Funziona così:

“Abbiamo subito iniziato a torturare il surf. Corsi nell’oceano finché non fummo immersi nell’acqua fino al petto, formammo una linea e unimmo le braccia mentre le onde gelide ci attraversavano. Presto abbiamo cominciato a tremare. Gli istruttori in megafono hanno parlato in modo uniforme: “Signori, smettetela ora e potrete evitare la corsa più tardi. Sei solo all’inizio di una settimana molto lunga. Diventa solo più freddo. Diventa solo più difficile. “

“Andiamo. Fuori dall’acqua!” Siamo corsi fuori nell’acqua alta fino alla cintola, e quando abbiamo raggiunto la spiaggia suonò un fischio: trapani. Uno squillo di fischio e siamo caduti sulla sabbia. Due squilli e cominciammo a strisciare al suono del fischio. Strisciammo nella sabbia, ancora tremanti per il freddo, finché i nostri corpi non si furono riscaldati appena oltre il limite dell’ipotermia. Quindi, “Di nuovo nell’oceano! Fai surf! “

Abbiamo combattuto per tutta la notte e il giorno successivo. Quando la luce del sole si indebolì all’inizio della notte successiva, gli istruttori ci portarono in spiaggia. Eravamo lì in fila, e mentre guardavamo il sole tramontare, uscirono con i loro megafoni: “Dite buonanotte al sole, signori. E voi uomini avete ancora molte, molte notti da trascorrere. “

Quando volevano davvero torturarci, dicevano: “Chiunque smetta in questo momento prende caffè caldo e ciambelle. Andiamo, chi vuole una ciambella? Chi vuole un po ‘di caffè? “

Con la coda dell’occhio, ho visto uomini che correvano per il campanello. “

L’avevo letto prima, ma non ho mai sperimentato la tortura del surf fino ad ora.

SEALFit Academy3

Mentre eravamo sdraiati nell’oceano, guardando il tramonto e preparandoci per una notte molto lunga, tutto il mio corpo tremava e tremava per l’acqua gelida. Riuscivo a malapena ad aprire gli occhi perché erano pieni di sabbia ardente, e anche la mia bocca e le mie orecchie erano piene di minuscoli sassi, sabbia e acqua fredda. Nonostante oltre 80 triathlon in alcune delle più folli condizioni di acque libere immaginabili, questo è stato il periodo più vicino a cui mi sarei mai avvicinato per provare un senso di freddo disperato e imminente annegamento.

Non ho idea di quanto tempo siamo stati nel surf. Ho completamente abbandonato ogni aspettativa di uscire e semplicemente ho avvicinato gli altri membri della mia squadra per stare al caldo, ho cercato di concentrarmi sul mio respiro e ho immaginato che ogni respiro portasse calore nel mio corpo.

Alla fine, dopo quelle che sembravano ore, fummo tirati fuori dall’oceano e il rucking iniziò.

Fino alle 5 del mattino di quella mattina, l’orribile schema di rucking e tortura del surf è continuato …

… corri, inciampa, cade, marcia …

… sprint verso l’oceano, copriti completamente dall’acqua fredda, rabbrividisci, cerca di bloccare il freddo, cerca di non farti prendere dal panico, sit-up, flessioni, burpees, immersione in acqua completa, onde che si infrangono contro il tuo faccia …

… torna fuori dall’oceano, rotola nella sabbia per trasformarti in un “biscotto di zucchero” ricoperto di sabbia, insulti verbali da parte degli allenatori …

… corri, inciampa, cade, marcia …

Ogni ora circa, un allenatore monitorava la classe e camminava lungo la fila dei partecipanti con una torcia elettrica, fermandosi davanti a ciascuno di noi e facendoci brillare una luce in faccia, alla ricerca di segni di ipotermia come estrema tremore, un discorso confuso, goffaggine o uno sguardo lontano. A questo punto eravamo quasi tutti in quello stato ipotermico, ma continuavamo comunque a essere rigettati nell’oceano nero come la pece. Continuavo a ripetermi che probabilmente non avrebbero lasciato morire l’uso a causa di problemi di responsabilità. Non sono ancora sicuro che sia vero, ma all’epoca ha aiutato.

E poi in qualche modo, dopo quasi 9 ore di marcia, tortura del surf, rucking, corsa, inciampo, caduta, allucinazioni, pianti e persino strisciare, siamo tornati a Encinitas e siamo inciampati nelle strutture SEALFit e siamo tornati sul Grinder. Era ancora buio pesto sul Grinder, e molti altri pullman freschi e ben dormiti erano lì ad aspettarci mentre ci riprendevamo le nostre linee ordinate e aspettavamo i nostri prossimi ordini, ondeggiando e tremando per la stanchezza estrema e il freddo.

Ci è stato quindi chiesto di metterci in fila accanto al nostro “compagno di nuoto”, un altro membro della squadra che era relativamente comparabile per dimensioni e statura. Mentre mi trovavo di fronte al mio compagno di nuoto, l’allenatore Mike ci ha detto di fissarlo negli occhi e di raccogliere forza da loro, dato che stavamo per completare un classico allenamento Crossfit dal nome di un Navy SEAL caduto “Murph” – che è composto da una corsa di un miglio, 100 pull-up, 200 flessioni e 300 squat.

Mentre me ne stavo lì e guardavo negli occhi il mio compagno di nuoto, si è improvvisamente addormentato in piedi e poi è crollato a terra. Così tanto per raccogliere forza dal nostro compagno di nuoto! L’ho preso velocemente in braccio e l’ho sostenuto sulle mie spalle. Poi è iniziata la musica e ne è seguito il caos quando abbiamo iniziato Murph con mani sanguinanti, piedi e quadricipiti con vesciche che sembravano molto, molto vicini al completo fallimento muscolare e rabdomiolisi, una condizione in cui hai rotto così tanti muscoli scheletrici che inizi ad andare in insufficienza renale. Mentre il mio compagno di nuoto ha lottato per il miglio, l’ho spinto, l’ho tirato e gli ho parlato attraverso ogni passo. Potrei dire al tizio che ha semplicemente bisogno di mangiare del dannato cibo, ma non ce n’era.

Il resto di Murph era sfocato. Abbiamo preso 3 pull-up alla volta, 5 push-up alla volta e 10 squat alla volta. 100 pull-up, 200 flessioni e 300 squat dopo, sono rimasto lì mentre il bel sole sorgeva e ha segnalato l’inizio del giorno 3. Il sonno e il riposo erano ancora molto lontani e ho tenuto le dita incrociate che in qualche modo avrei essere in grado di finire, ma a questo punto, ero in un territorio completamente sconosciuto, avendo spinto il mio corpo e la mia mente più lontano e più forte di quanto avessi mai pensato possibile, e un po ‘nervoso per il fatto che avessi qualcosa lasciato nella vasca per me stesso, tanto meno il resto della mia squadra. Sarebbe stata dura.

Il triathlon Freaking Ironman è una passeggiata nel parco rispetto a questa cosa.

Lezioni dal giorno 2

-Puoi avere freddo per lunghi periodi di tempo e riprenderti senza problemi. Se hai freddo, muoviti il ​​più possibile per stare al caldo e tenere vicino un amico.

-Uno dei primi segni di ipoglicemia è la sonnolenza. Se inizi ad avere sonno durante un evento difficile, resisti all’impulso di rallentare o dormire e invece mangia. Molti.

-Se il volume di una distanza o di un compito è sconosciuto, rilascia le aspettative dalla tua mente, non anticipare il “numero di ripetizioni” e preparati semplicemente per il lungo raggio. Aspettati il ​​peggio e resta piacevolmente sorpreso.

———————————————-

Kokoro, giorno 3

Ancora tremando e ansimando da Murph, il nostro team – ancora forte di 17 anni – era in piedi sul Grinder e aspettava i prossimi ordini, questa volta dall’uomo responsabile di tutte le operazioni SEALFit: il comandante Mark Divine (che ho intervistato su questo podcast )

Coach Divine ci ha informato che stavamo per tornare in spiaggia e dividerci in due gruppi. Il gruppo 1 sarebbe stato qualsiasi gruppo fosse in grado di tenere il passo con uno sprint veloce lungo la spiaggia e sarebbe stato il gruppo d’assalto che avrebbe completato una missione speciale. Il gruppo 2 sarebbe composto da chiunque non fosse in grado di tenere il passo e sarebbe il gruppo di supporto che rimarrebbe indietro e completerebbe una missione separata.

SEALFit Academy4

Un allenatore che era in piedi mi ha borbottato sottovoce: “Vale la pena essere un vincitore, Greenfield”.

All’improvviso ho capito che sarebbe stato molto, molto importante entrare a far parte della squadra Assalto del Gruppo 1.

Era ora di scavare in profondità.

Un allenatore SEALFit, Coach James, un ex triatleta professionista Ironman è decollato e sapevo che sarebbe stato il coniglio da inseguire. Incanalando quanta più forza interiore possibile, ho dimenticato il fatto che avevo spinto il mio corpo nelle ultime 40+ ore e sono decollato a un ritmo rapido, tenendolo a non più di pochi piedi davanti a me. Potevo sentire i passi del resto della squadra che restava indietro, e dopo pochi minuti di sprint veloci e dolorosi nella sabbia profonda della spiaggia, all’improvviso eravamo solo io e l’allenatore.

Non avevo idea di quanto tempo saremmo rimasti, ma ho resistito per tutta la vita, sapendo che avrei bisogno di fare quella squadra d’assalto. Respirare. Passo. Respirare. Passo. Blocca il dolore.

Alla fine ci siamo fermati e ho guardato indietro, con i polmoni in fiamme. Altri sei membri della squadra erano a circa cento metri indietro. Il resto della squadra non si vedeva da nessuna parte. Avevo creato la squadra d’assalto in primo luogo e sembrava che saremmo stati in totale sette nella missione d’assalto. Il team di supporto sarebbe rimasto indietro e, da quello che ho raccolto, avrebbe avuto un’esperienza estremamente spiacevole.

La squadra di Assault è decollata di nuovo, con Coach James, Coach Mike, Coach Divine e una manciata di altri allenatori. Siamo saliti su per le scale della spiaggia, giù per le scale sulla spiaggia, sugli ostacoli, fuori dagli ostacoli, attraverso la sabbia profonda, sull’acqua, di nuovo nella sabbia, il tutto al ritmo più veloce che avevamo mai fatto a Kokoro.

SEALFit Academy5

Se questa era la parte facile, rabbrividivo per quello che doveva fare il team di supporto a questo punto (si è scoperto che erano stati sottoposti a qualche ora in più di burpees, flessioni, addominali, condizionamento con acqua fredda e tortura del surf). Alla fine abbiamo raggiunto un’alta torre per bagnini e abbiamo dovuto lavorare insieme come una squadra per far salire tutti nella torre senza usare la scala, a quel punto la missione di salvataggio era completa.

SEALFit Academy6

Sbuffando e sbuffando per lo sprint lungo la spiaggia, siamo stati poi condotti a un fiume freddo, scuro e dall’odore orribile che scorreva lungo l’interno della spiaggia e Coach Divine ci ha incaricato di attraversare l’altro lato del fiume e seleziona una grande roccia che rappresentasse la nostra “voglia di vivere”.

“Se scegli una roccia troppo piccola, allora è quanto poco pensi di te stesso e devi convivere con quella decisione”, ha detto . “Ma se ne scegli uno troppo grande e hai preso una decisione irresponsabile perché il tuo ego è troppo grande, allora dovrai soffrire con quella roccia fino alla spiaggia fino a dove siamo partiti.”

SEALFit Academy7

Ho attraversato il fiume, che in alcuni punti è arrivato a circa due piedi sopra la mia testa e in 5 minuti ho trovato la roccia perfetta. Era una pietra grande e pesante delle dimensioni di tre grandi dizionari e forse di circa 60 libbre. Ma era anche quasi perfettamente quadrato, e sapevo che, poiché non era una forma scomoda, sarei stato in grado di portarlo a lunga distanza spostandolo dal petto, alla spalla sinistra, alla spalla destra, quindi torna al mio petto.

Ho raccolto la roccia e l’ho portata indietro attraverso il fiume, costretta in diversi punti a trattenere il respiro e semplicemente a camminare sott’acqua tenendo la mia roccia. Emergendo dal fiume torbido, mi sono messo in fila accanto agli allenatori e ho aspettato quasi dieci minuti che il resto della squadra d’assalto finisse il compito.

Un membro, un ragazzo muscoloso e muscoloso coperto di tatuaggi, è tornato dall’altra parte del fiume con una roccia grande quasi la metà della mia.

Coach Divine gli diede un’occhiata e gli sorrise: “Cambia con Greenfield”.

Mi è stata improvvisamente consegnata una roccia che non poteva pesare più di venti libbre. Wow. Sollievo.

“Ben giocato, Greenfield.” ha detto un altro allenatore, e siamo partiti lungo la spiaggia per tornare rapidamente al team di supporto per 2 miglia.

SEALFit Academy8

Quando siamo tornati al team di supporto, gli altri dieci membri del nostro team erano completamente sepolti nella sabbia e ricoperti di alghe, sembravano consumati, sconvolti e tremavano in modo incontrollabile. Sembrava che fossero stati all’inferno e tornati mentre eravamo in missione d’assalto. Nessuno parlava molto e non sapevo da quanto tempo fossero stati sepolti nella sabbia, ma sembravano tutti molto abbattuti. La squadra d’assalto ha cercato di tirarli su di morale. Gli allenatori ci hanno detto di stare zitti e ci hanno ributtato tutti nell’oceano per altri esercizi calistenici, poi ci hanno riportato al Grinder.

SEALFit Academy9

Stranamente, a questo punto, verso le 9 del mattino del terzo giorno, avevo un grande sorriso stampato in faccia. Ero pronto a tutto. Avevo preso il mio secondo vento.

Avanti, piccola.

Mentre eravamo ancora una volta sul Grinder in attesa dei nostri ordini, il coach Cummings si è avvicinato alla squadra:

“Chi vuole la colazione?”

Avevo la sensazione che non sarebbe finita bene, ma ho comunque alzato la mano, insieme al resto della squadra.

L’allenatore Cummings ha continuato:

Seguimi. Ti porto a una colazione calda con pancake, uova e bacon al ristorante in fondo alla strada. Entrerai silenziosamente, mangerai tutto sulla tavola, non lascerai un solo avanzo di cibo, poi uscirai silenziosamente e mi seguirai. “

Siamo arrivati ​​al ristorante per sederci a mangiare frittelle che erano letteralmente delle dimensioni di un piatto da cena, insieme a uova strapazzate, hashbrown e pancetta. Mi sono preso cura della mia alimentazione fino a questo punto e, a differenza di molti membri del nostro team, il mio stomaco non si era ristretto o non sarebbe stato scioccato da questo enorme apporto di calorie, quindi ho riempito la faccia e lucidato dal mio piatto in cinque minuti netti. Dopo aver finito la colazione, sono passato ai pasti dei miei compagni di squadra. Sapendo che la giornata era tutt’altro che finita e che avevamo ancora molto lavoro da fare, ho aggiunto ketchup, burro di arachidi, zucchero, sale e qualsiasi altra cosa che potessi prendere, insieme a 5 enormi tazze di caffè.

Mentre gli occhi della mia squadra roteavano indietro nella loro testa e molti cominciavano a diventare di un bianco pallido per la malattia e il gonfiore, ho mangiato e mangiato e mangiato. È stato fantastico. Forse tutti quegli anni in cui mi sono riempito la faccia di 400 calorie l’ora mentre mi caricavo lungo l’autostrada calda durante la maratona Ironman stavano dando i loro frutti.

Abbiamo archiviato fuori. Due ragazzi hanno vomitato. Qualcuno davanti a me si è cagato i pantaloni. Letteralmente. È stato un momento di pannolino inconfondibile, udibile e profumato.

E poi abbiamo iniziato a correre. Sì, corri. Siamo corsi alla base di Lookout Hill. Abbiamo fatto un bear crawl in salita all’indietro. Mmm … c’è quello sciroppo. Poi burpee in salita con ampi salti. Qualcuno assaggia l’uovo? Poi sprint in collina. Devo amare gli hashbrown cotti due volte. Poi altri orsi strisciano. E alpinisti. E i jumping jack. E il partner porta. A questo punto, il caldo di metà mattinata stava aumentando e il sudore cominciava a colare, quindi c’erano più vomiti. Altro schifo di pantaloni. Le persone hanno riassaggiato la colazione con i pancake due, tre e quattro volte.

KOKORO 34 - 0010

Forse era l’estrema quantità di caffè, il sorriso sul mio viso o il fatto che metabolizzo il cibo molto velocemente perché sono un tipo magro, ma a questo punto mi sentivo benissimo. Ho continuato a correre e spingere fuori i burpees fino all’ultimo minuto in cui hanno marciato la nostra squadra sudata e puzzolente al Grinder.

KOKORO 34 - 0011

Poi è arrivato esattamente quello che vuoi fare quando sei privato del sonno, dolorante, allucinato e circondato da una squadra con schifezze nei pantaloni e vomito in bocca …

… hot yoga.

Esatto: siamo tornati alla struttura americana di Crossfit per lo yoga caldo guidato dal comandante Mark Divine. Mentre la musica pacifica dello yoga suonava e la stanza diventava sempre più calda, ho lottato per tenere gli occhi aperti. Le cose hanno iniziato a diventare sfocate.

Guerriero 1 … concentrati. Warrior 2 … concentrati dannazione. La posa del bambino … tieni gli occhi aperti. Posa della plancia … blocca quel pettorale strappato. Posizione della sedia … andiamo quad, aspetta. Warrior 3 … non svenire.

Per un’ora intera abbiamo continuato con lo yoga. Di volta in volta, Coach Divine ha rilasciato affermazioni come:

“Hai realizzato così tanto e ora hai quasi finito …”

“Kokoro 34 è quasi al sicuro …”

“Congratulati con te stesso per quello che hai finalmente finito …”

Cazzate, ho pensato. Potevo vedere con la coda dell’occhio che c’erano allenatori SEALFit che macinavano sul Grinder, potevo vedere qualcuno che trascinava un tubo in un bagno di ghiaccio, potevo vedere alcuni dei locali che si radunavano sulle panchine per assistere a un altro pestaggio e quando siamo arrivati ​​alla “posa del cadavere” finale dello yoga, sdraiati sulla schiena con gli occhi chiusi, sapevo che l’ultima cosa che avrei dovuto fare era dormire.

Così, mentre tutta la nostra squadra giaceva supina su materassini da yoga con gli occhi chiusi, iniziando a russare, io invece fissavo intensamente il soffitto, eseguendo un respiro da guerriero acuto e rapido (di cui puoi leggere qui), stringendo e aprendo il mio pugno, e combattendo con forza la voglia di dormire. Andiamo Greenfield, ho pensato, esercitare quella voglia di vivere! Quando la musica si è conclusa, mi sono guardato intorno e ho visto che quasi tutta la squadra dormiva profondamente. Questo potrebbe diventare brutto, veloce come un gruppo di persone che dormono profondamente vengono improvvisamente risvegliate in un intenso scontro a fuoco.

Dato che avevo gli occhi aperti, ho visto tre porte della sala yoga che si aprivano silenziosamente e diversi allenatori entrare di nascosto nella stanza reggendo megafoni. Ho sorriso. Io ero pronto. Portalo. Ecco che arriva …

“BLEEP! BLEEP! BLEEP! “

I megafoni iniziarono a far saltare le sirene e gli allenatori iniziarono a urlare parolacce contro di noi, “Riporta i tuoi culi di motherf # $ * su The Grinder e mettiti le scarpe su di te pigro # $%!”

Era ora di soffrire. Sono caduto in una posizione da orso e ho trascinato fuori il culo solo per trovare il caos completo. Le nostre scarpe, che ci era stato ordinato di posizionare ordinatamente davanti alla sala yoga, erano ora gettate sotto le panchine, nei cespugli e sopra le recinzioni, e l’intero Grinder si trasformò in un ammasso istantaneo mentre tutti si affrettavano a trovare il loro marcia.

Sono stato subito messo da parte da due allenatori, “Entra nel bagno di ghiaccio ORA, Greenfield”.

Mi sono tuffato rapidamente nel bagno di ghiaccio e un allenatore mi ha infilato una minuscola maschera nera sul viso: “ Vai sotto, Greenfield, e non salire finché non ti tocco”.

C’era caos ovunque. I miei compagni di squadra correvano, piangevano, strisciavano, rotolavano, si arrampicavano e gli allenatori erano ovunque, urlavano, urlavano, facevano saltare sirene attraverso i loro megafoni. Non riuscivo a sentirmi pensare. Ma ho fatto un respiro profondo, enorme, ho schiarito i miei pensieri, ho sorriso e sono andato sott’acqua.

Tutto tacque.

A questo punto a Kokoro, l’acqua fredda era la mia timoneria e, nella mia preparazione per Kokoro, avevo trascorso molte, molte sessioni nel gelido fiume Spokane esercitandomi a respirare. Quindi il tempo si è fermato mentre affondavo. Potevano essere due minuti, quattro minuti, cinque minuti, non ne ero proprio sicuro. Ero in questo stato strano, profondo e meditativo. Ma quando finalmente quel colpetto è arrivato sulla mia spalla e mi sono seduto e ansimato per il prezioso ossigeno, sapevo di essere improvvisamente invincibile.

Mi voltai e sorrisi all’allenatore del bagno di ghiaccio, “È così? Ne ho di più, allenatore. “

Mi fissò, “Dammi quella maschera”.

Gliel’ho consegnato.

“Esci di qui, Greenfield.”

Mi sono alzato e, non appena l’ho fatto, il coach Will mi ha afferrato, mi ha bendato gli occhi e ha gridato per il caos: “Mettiti questo, Greenfield!”

Ho messo la benda sugli occhi e il mondo è diventato di nuovo buio.

“Greenfield, pensi di essere un ottimo leader, pensi di sapere come guidare una squadra, beh indovina un po ‘- ora ti toglieremo i sensi e vedremo come te la cavi! È ora di imparare come smettere di guidare e iniziare a seguire, Greenfield. “

Approccio interessante. Ho sorriso di nuovo. Adesso mi trovavo in una zona strana in cui mi sentivo come se potessi letteralmente esibirmi per sempre. Kokoro non era ancora finito, ma dentro di me sapevo di aver improvvisamente raggiunto il mio potenziale 20x. Niente potrebbe infastidirmi adesso.

Per le due ore successive, ciascuno dei miei compagni di squadra si è alternato a guidarmi attraverso ogni elemento del beatdown: bilanciamento e caduta del tronco, verticali, wall-sit, burpees, push-up, bear crawl, tyre flip e la lista continua on – Ho fatto tutto senza vista, affidandomi e fidandomi delle istruzioni del mio team.

KOKORO 34 - 0012

Alla fine, dopo due ore, la mia benda è stata rimossa e ho guardato con gli occhi nel cocente sole pomeridiano. Entro dieci secondi, un getto d’acqua gelida e ad alta pressione mi fu spruzzato in faccia, “Prendi una corda, Greenfield!”

Ho afferrato una gigantesca corda da battaglia e la nostra squadra è stata divisa in due, poi gettata in un gigantesco tiro alla fune alle spalle alleato dietro SEALFit. I miei pantaloni erano già strappati a brandelli, quindi trascinare e raschiare di più sul cemento strutturato non sembrava un grosso problema. I perdenti hanno fatto bagni di ghiaccio, quindi la mia squadra ha tirato forte e ha vinto sei tiro alla fune di fila prima che gli allenatori finalmente si stancassero e ci riportassero sul Grinder.

È uscita la coperta KIMS.

“Drop!” ha gridato l’allenatore Cummings.

Siamo caduti tutti in una posizione di flessione.

“Uno per uno, voglio che tu mi dica ogni oggetto che era in questa coperta!”

Conoscevo tutti i 26 elementi a memoria. Avevo passato ogni ultimo minuto delle 3 ore che avevamo trascorso in un furgone semplicemente recitando gli elementi più e più volte. Sfortunatamente, potevamo recitarne solo uno alla volta. Quindi per quasi 30 minuti, il nostro team è rimasto in quella posizione di flessione richiamando gli oggetti. Continuavo a crollare a terra perché il mio muscolo pettorale sinistro non funzionava più. Volevo che lo facesse, ma a questo punto semplicemente non avrebbe collaborato.

Dopo quella che sembrava un’eternità, abbiamo finito l’ultimo oggetto nella coperta – una minuscola vite – e ci siamo alzati, spalle, core, petto e collo completamente sparati.

L’allenatore Kim ci stava aspettando…

“Hai fallito la missione di ricognizione, e sono 250 burpees” …

… “ti sei addormentato sui furgoni e sono altri 100 burpees” …

… “non sei riuscito a pulire correttamente la palestra, e sono altri 150 burpees” …

… “ma non faremo un vecchio burpee …”

… “diviso in squadre e prendi un registro” …

KOKORO 34 - 0013

Woo, ragazzo. Eccoci qui. Gli enormi ceppi da 350-450 libbre sono usciti e li abbiamo ammucchiati sulla schiena e sulle spalle. Registro di sistema. Registro verso il basso. Burpee. Uno. Registro di sistema. Registro verso il basso. Burpee. Due. Registro di sistema. Registro verso il basso. Burpee. Fottuti pigri, quello non contava, non l’avete fatto insieme, ricominciate da capo. Registro di sistema. Registro verso il basso. Burpee. Uno.

Le cose stavano andando velocemente in discesa. Avevamo membri del team con gli occhi appena aperti, membri del team che letteralmente non potevano alzare le braccia sopra la testa, membri del team che non potevano più fare un passo in avanti a causa di enormi vesciche sanguinanti nella parte inferiore dell’intero piede. Molto presto sarebbe diventato pericoloso.

Ma l’allenatore Kim ha continuato.

“Ti aspettavi 50 ore? Ma stai scherzando? Resteremo qui tutta la notte. Spero che nessuno abbia un volo stasera perché questa cosa è tutt’altro che finita. “

Sembra disperato. Potevo vedere il morale calare rapidamente. Sono stato coinvolto per un lungo periodo, ma a questo punto mi stavo preoccupando davvero che qualcuno gli aprisse la testa con un registro.

Porteremo questi tronchi sulla spiaggia di Swamis e andremo nell’oceano. È ora che inizi veramente a soffrire. “

Dannazione. Ho rafforzato la presa sul tronco. Ecco qui.

All’improvviso risuonò una voce tonante. Era il comandante Mark Divine.

“KOKORO 34 SECURED.”

Silenzio. L’ha detto davvero?

“CONGRATULAZIONI, KOKORO 34 SICURO”.

Santo cielo.

Ce l’abbiamo fatta.

Quello che è iniziato dopo è stato l’abbraccio di gruppo più pieno di lacrime, sincero, esausto, sollevato ed emozionante che abbia mai avuto. Tutta la nostra squadra si è accatastata l’una sull’altra e si è soffocata a vicenda in lacrime, risate, urla di vittoria, urla, urla e festeggiamenti. Ce l’abbiamo fatta. L’abbiamo fatto & ^ #%. Sono state fatte. Ce l’abbiamo fatta. Kokoro 34 assicurato.

Kokoro 34 assicurato.

Hooyah Kokoro 34.

Missione compiuta.

KOKORO 34 - 0014

Lezioni dal terzo giorno

-La tua espressione facciale determina fortemente le tue emozioni. Sorridi quando il gioco si fa duro. Questo rende anche meno probabile che un aguzzino si diverta a tormentarti.

-Il corpo umano è versatile. Puoi allenare il tuo intestino a fare esercizio con molto cibo all’interno. Esercitati a mangiare “in movimento” di tanto in tanto durante gli allenamenti se ti alleni per qualsiasi evento durante il quale avrai bisogno di mangiare.

-Prima di qualsiasi compito difficile, dal sollevare un peso pesante al saltare in acque fredde, fai un respiro profondo. Avrai sempre tempo per un respiro.

—————————————

KOKORO 34 - 0015 Quindi è tutto!

Gli ultimi 8 giorni sono stati tra i più memorabili della mia vita e ora so di essere capace fisicamente e mentalmente di 20 volte di più di quanto pensassi prima. Si spera che ora tu abbia un’idea di come gestire gli eventi difficili che ti vengono incontro.

Infine, anche se non hai intenzione di fare un evento Kokoro, è importante che tu scelga almeno un evento all’anno che ti porti lontano dalla tua zona di comfort e ti spaventi. Questo ti farà crescere costantemente fisicamente, mentalmente ed emotivamente, ti manterrà giovane e ti permetterà di vivere una vita senza paura e rimpianti. Allora quale sarà il tuo prossimo grande evento? Pensaci e se vuoi una seria responsabilità sociale, faccelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

Nel frattempo, se ti sei iscritto a un evento SEALFit Kokoro o Academy e vuoi parlare con me per un consulto personalizzato personalizzato per prepararti fisicamente e mentalmente, fai clic qui e ottieni una consulenza di 20 o 60 minuti, a seconda di cosa preferisci.

Lascia le tue domande, commenti o feedback di seguito e buona fortuna nel tuo prossimo crogiolo, qualunque esso sia!

 

Fai a Ben una domanda sul podcast

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *